Dalla stampa 3D un aiuto alla lotta contro il cancro

Scritto da The Shaper il .

È rimasto anonimo il nome del primo paziente che ha usufruito di un trapianto di bacino stampato con una stampante 3D.
E' noto però il nome di Craig Gerrand, consulente chirurgo ortopedico al Newcastle Upon Tyne Hospitale NHS Trust. Egli infatti ha stampato e trapiantato il bacino artificiale.
Il dottor Gerrand ha utilizzato questa procedura innovativa per interrompere lo svilupparsi delle masse tumorali del paziente a causa delle quali aveva già perso metà bacino. Ora l’uomo è di nuovo in grado di camminare nonostante il cancro alle ossa lo avesse colpito duramente.

Craig Gerrand"Il cancro aveva ormai colpito quasi tutta la parte destra del bacino" ha spiegato il Dr. Gerrand. "Visto che tale forma tumorale non rispondeva alle terapie tradizionali quali i farmaci antitumorali e la radioterapia, l’unica soluzione per interrompere lo sviluppo delle masse tumorali sarebbe stata rimuovere metà del bacino."

La massa da rimuovere è stata determinata con una TAC. Grazie alla stampa 3D è poi stato possibile ricreare l’esatta forma tridimensionale del bacino del paziente e di poter quindi creare la porzione sostitutiva con estrema precisione.
La stampante 3D in questione utilizza polvere di titanio modellata con un laser. La protesi metallica è stata rivestita con un materiale sul quale l'osso del paziente può tornare a crescere.

In questo caso la stampa 3D si è rivelata fondamentale: un impianto standard non sarebbe stato possibile a causa della grande quantità di osso da rimuovere.
Molti esperti ormai sono d’accordo che l’avanzare di questa tecnologia in ambito medico potrà riservare ancora grandi novità, soprattutto nella lotta contro il cancro alle ossa. Il tasso di sopravvivenza è infatti del 60% che purtroppo è invariato negli ultimi trent'anni.

Certamente, su stessa ammissione del Dr. Gerrand, il più grande avanzamento in questo campo sarà quando non saranno necessari interventi di questo tipo, quando le cure con medicinali saranno in grado di sconfiggere queste malattie.
Nel frattempo però, in attesa dei trattamenti che devono ancora essere scoperti, la stampa 3D e le menti dell'equipe del Dr. Gerrand hanno portato un contributo di grandissimo valore alla medicina.

Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti: cliccando su CHIUDI o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies.   Informativa. CHIUDI