Con la Stampa 3D nuove protesi a basso costo

Scritto da The Shaper il .

Vengono dalla Washington University of St. Louis i tre studenti di ingegneria biomedica che hanno creato un braccio robotico per una ragazzina tredicenne.
L'arto artificiale è stato creato con l’utilizzo di una stampante 3D e, a differenza delle normali protesi attualmente usate che possono arrivare a costare persino $6000, questo arto può essere prodotto su misura ad un costo di circa $200, quindi fino a 1/30 in meno delle protesi attualmente in uso.

Sidney Kendall: protesi stampa 3dDopo un corso di progettazione ingegneristica e con la consulenza del professore di terapia fisica Joseph Klaesner i tre studenti (Henry Lather, Kendall Gretsch e Kranti Peddada) hanno prodotto il braccio robotico per la tredicenne Sidney Kendall:
il risultato ottenuto è stato incredibile!

I tre ragazzi hanno ottenuto il sostegno e il consiglio di diversi medici, tra i quali i chirurghi ortopedici Lindley Wall e Charles A. Goldfarb.
I due medici si sono detti entusiasti del lavoro.
“Gli studenti hanno messo a disposizione le loro conoscenze ingegneristiche, mentre noi abbiamo condiviso le nostre esperienze con l’impianto di protesi nel trattamento delle disabilità dei ragazzi” ha asserito Goldfarb.

Allo stesso tempo la tredicenne Sidney, precedentemente dotata di un braccio protesico col quale aveva riscontrato grandi limitazioni, riesce ora a controllare con stupefacente destrezza il braccio robotico.
Dal lanciare una palla al muovere il cursore del mouse di un computer Sidney è ora in grado di compiere operazioni prima impensabili.
“Il progetto di questa protesi ci ha mostrato i grandiosi risultati che è possibile raggiungere ponendo un ponte fra medicina e tecnologia” ha dichiarato Peddada.

La differenza principale di questa protesi rispetto alle altre è la dotazione di un motore e di un pollice che aiutano a portare a termine molte più operazioni. L'arto è alimentato a batteria e controllato grazie ad un accelerometro.

Spesso è estremamente difficile garantire un adeguato supporto dal punto di vista protesico a bambini e ragazzi poiché essi crescono e le protesi vanno riadattate di continuo per meglio adattarsi al loro corpo in continuo sviluppo.
L’elevato costo delle protesi le fanno diventare inaccessibili per un gran numero di famiglie. Ma grazie alla stampa 3D, come hanno provato i tre studenti, è ora possibile abbattere i costi e rendere disponibili tali servizi per molti più pazienti.

Per questo motivo, come ha dichiarato la madre di Sidney: "Migliorare le protesi usando questa tecnologia è emozionante!"

Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti: cliccando su CHIUDI o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies.   Informativa. CHIUDI