Maker Faire 2014: Roma, cuore pulsante dell’innovazione tecnologica

Scritto da The Shaper il .

È passato un anno dalla fine della prima edizione del Maker Faire Rome. In questo anno la comunità dei maker è cresciuta esponenzialmente. Dai 35'000 visitatori del 2013 si è passati agli oltre 90'000 di quest’anno: quasi il triplo.

Maker Faire RomaUn segnale fortemente positivo per una comunità che, nello splendido panorama romano, ha avuto la possibilità di parlare, discutere, scoprire e confrontare un gran numero di idee.

La fiera si è chiusa domenica 5 ottobre.
Sono state oltre 600 le invenzioni a disposizione in un'area di circa 70'000 mq.
Un occhio di riguardo va ai workshop, con un'area adibita di oltre 2000 mq, dedicata ai 15'000 bambini presenti alla fiera.

 

Maker Faire Rome 2014

Presso l'Auditorium Parco della Musica, dove si è svolta la fiera, la mattina del 3 ottobre l'ingresso è stato riservato alle scuole con l'iniziativa "Education Day". Con una gran voglia di proporsi ai più giovani quindi, il movimento maker punta al futuro e alle nuove tecnologie. L'educazione verso i più piccoli si rivela quindi fondamentale.

Relatori della fiera sono stati ospiti internazionali illustri innovatori provenienti da tutto il mondo riuniti alla fiera. Con il loro contributo hanno partecipato a creare a Roma il più grande evento dedicato all'innovazione.

Maker Faire

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti si è detto piacevolmente sorpreso: "Vedo un fermento meraviglioso di persone che non si arrendono alla crisi e che si creano il lavoro con la forza delle idee" ha asserito mentre era in visita.
Giuliano Poletti ha poi sottolineato che come Ministro del Lavoro si impegnerà ad appoggiare il movimento maker perché lancia un messaggio molto importante:
"Il lavoro non solo si deve creare, ma si può costruire".

Riccardo Luna, ex direttore del quotidiano "Il Romanista" e colonna portante della fiera è convinto che questo successo sia consolidato e radicato nella cultura italiana.
La sezione centrale della fiera è stata infatti "Make in Italy", un'illustrazione di cinquant'anni di innovazione italiana.

"Abbiamo fatto un sacco di cose strepitose e non ce lo siamo mai detti" ha continuato Luna. "L’importanza di comunicarlo è quella di capire che cambiare il futuro è nel nostro DNA. Il messaggio che viene da qui è dire ai ragazzi: non vi fate abbindolare con la storia che non avete futuro. Il futuro ce l'avete, prendetelo."

Arduino StoreLo spirito Open Source, essenza della comunità dei Maker, ha spopolato perciò anche in Italia, paese che, forse inconsciamente, è stato uno degli inneschi principali del movimento stesso. Quello di cui c'è bisogno in Italia dunque è collaborare, grazie allo spirito di inventiva tipicamente italiano e pienamente condiviso dal gruppo The Shaper, presente al Maker Faire il 4 e il 5 ottobre.

Sono state molteplici le soddisfazioni per questa riuscitissima fiera. Luna la definisce la sua più grande gratificazione personale.
I maker stessi sono affluiti alla capitale come a La Mecca dell'innovazione tecnologica.

Citando le parole che Jeremy Rifkin ha inviato in un video-messaggio alla fiera: "Questo è l'inizio di un lungo viaggio per ripensare al modo in cui pensiamo alle attività economiche del mondo intero".

Lo staff della fiera, dopotutto, è già a lavoro per la Maker Faire Rome 2015.


Ecco alcune immagini scattate direttamente dal Maker Faire:

Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery) Maker Faire Roma (PhotoGallery)

Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti: cliccando su CHIUDI o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies.   Informativa. CHIUDI